martedì , 18 Giugno 2024

Ex Cartiera: domani chiude, 350 Rom verranno trasferiti

Ex Cartiera: domani chiude, 350 Rom verranno trasferitiLa notizia circola in sordina tra gli addetti ai lavori. E con essa¬† la sorpresa dei diretti interessati rimasti allibiti. Il Comune avrebbe¬† fatto visita ai rom dell’ex cartiera di via Salaria, 971, il centro di accoglienza¬† che ospita circa 350 cittadini provenienti dai passati sgomberi dei grandi campi¬† (e riqualificato nel 2011 con pi√Ļ di 1 milione e mezzo di euro, ndr), portando¬† la lieta, si fa per dire, novella.

A breve le famiglie verranno trasferite in un nuova struttura in zona Torre Maura, per la precisione presso l’ex azienda ospedaliera San¬† Giovanni dell’Addolorata, gestita dall’Arciconfraternita del SS. Sacramento e di¬† S. Trifone, sita in via dei Codirossoni. Per “breve” si intende¬† domani mattina. Al¬† momento non sono noti n√© i dettagli dell’operazione n√© sono circolate dichiarazioni ufficiali delle istituzioni che possano spiegare le¬† motivazioni del gesto.

I cittadini rom del centro non hanno la pi√Ļ pallida idea di cosa li¬†aspetti e, a quanto emerso, nessuno li avrebbe avvisati prima n√© tanto¬† meno li avrebbe consultati. Il tutto a una settimana dalla fine della scuola che¬†per alcuni studenti del campo significa esami di ammissione.

A commentare la notizia l’Associazione 21 Luglio, da sempre a fianco¬†dei diritti rom e attenta osservatrice di campi e piani nomadi. “Il¬† trasferimento forzato dal centro di raccolta rom di via Salaria“, dichiarano i¬† rappresentanti, “verso la nuova destinazione predisposta dalle autorit√† del¬† Comune di Roma, avviene a ridosso del ballottaggio per l‚Äôelezione del futuro¬† sindaco, senza un preavviso adeguato e in mancanza di genuine consultazioni con¬† i diretti interessati dall‚Äôespulsione.”

Il¬† tentativo di trasferimento forzato organizzato dal Comune di¬† Roma priva i residenti del centro della possibilit√† di influire nel¬† processo decisionale che interessa direttamente il loro futuro e costituisce una¬† violazione degli standard internazionali in materia di diritto a un alloggio¬† adeguato”. In altre parole, nessuno li avrebbe interpellati, evitando cos√¨ il¬† rischio di intercettare volont√† contrarie.