Home » Ambiente » Piano chiusura TMB pronto ma Villa Spada è ancora nella morsa dei miasmi

Piano chiusura TMB pronto ma Villa Spada è ancora nella morsa dei miasmi

Piano chiusura TMB pronto ma Villa Spada è ancora nella morsa dei miasmiVilla Spada, Fidene e Colle Salario ancora nella morsa dei miasmi provenienti dal TMB AMA di via Salaria che pure, almeno stando ad annunci e promesse, doveva essere chiuso entro il 31 dicembre 2015.
Ma a due settimane dall’inizio del nuovo anno nulla sembra essere cambiato, al 981 della consolare romana almeno per quanto riguarda i miasmi prodotti dal TMB, anche se più volte è stato dichiarato che nel centro si trattano quantità minime. Così il quadrante si risveglia e vive ancora vessato da odore nauseante e insopportabile.

Condizioni che potrebbero indurre i residenti a manifestare ancora per chiedere, sì la promessa chiusura del TMB, ma anche notizie certe circa l’iter di riconversione che nelle stanze di AMA e Campidoglio si sta portando, almeno si spera, avanti.

Paolo Marchionne
Paolo Marchionne

Sulla vicenda è intervenuta anche Piazza Sempione assicurando come nelle ultime settimane siano intercorsi incontri e comunicazioni tra Ama, Municipio III e Campidoglio sul percorso di dismissione delle attività di trattamento dei rifiuti all’interno del centro di via Salaria.

Il III Municipio si è fatto promotore dell’istanza territoriale mantenendo un rapporto costante con i Comitati di Quartiere, sollecitando il commissario Tronca a raccogliere l’input ricevuto dall’ex amministrazione capitolina e avere da Ama informazioni tecniche utili per poter traguardare il risultato da tutti auspicato“, hanno dichiarato il Presidente del Municipio III, Paolo Marchionne, e l’Assessore alle Politiche Ambientali, Gianna Le Donne.

Daniele Fortini
Daniele Fortini

Nei giorni scorsi inoltre, da quanto si apprende, il Sub Commissario De Milato ha inviato una comunicazione alla Regione Lazio, a seguito delle informazioni tecniche ricevute da Ama rispetto alle soluzioni da adottare per procedere alla chiusura dell’impianto TMB di via Salaria. “E’ stata quindi manifestata la piena volontà di procedere in tal senso, previa condivisione – proseguono Marchionne e Le Donne –  delle soluzioni proposte dalla Municipalizzata del Comune di Roma, utile e funzionale alla sospensione delle attività di trattamento dei rifiuti nel sito di via Salaria“.

Dunque, come già comunicato di recente dal Presidente Fortini, Piazza Sempione assicura che in questo periodo si è continuato a lavorare per raggiungere “un importantissimo e storico obiettivo“.

Gianna Le Donne
Gianna Le Donne

Nei primi giorni della prossima settimana – sostengono Marchionne e Le Donneverrà presentato alla Regione Lazio il piano che prevede la sospensione delle attività del TMB Salario e la sua riconversione“.  Previsto poi un incontro con i comitati territoriali che seguono la vicenda e che continuano a subire i miasmi derivanti dall’impianto, per informarli sui fondamentali sviluppi.

L’auspicio dal Municipio III è chiaro e fermo: non si vanifichi il lavoro impostato da cittadini e Amministrazioni e si giunga entro pochi giorni alla definitiva soluzione.