sabato , 16 Novembre 2019
Home » Comitato di Quartiere Villa Spada » Il comitato spontaneo smentisce affissioni volantino

Il comitato spontaneo smentisce affissioni volantino

Il comitato spontaneo smentisce affissioni volantinoA seguito dell’articolo pubblicato in data 20 Novembre 2013 che trovate a questo link siamo stati contattati da un esponente del comitato spontaneo per una smentita a riguardo.

Lo stesso ci ha garantito che nessuno degli esponenti del comitato spontaneo ha mai fotocopiato o affisso per il quartiere il volantino che denunciava l’occupazione abusiva del locale di via Cortona, 107, ribadendo e sottolineando che questi “sotterfugi” di basso livello non sono nella loro natura.
Inoltre è stata espressa la volontà, sempre dal rappresentante del comitato spontaneo, di una eventuale collaborazione con il futuro nuovo comitato di quartiere di Villa Spada.

Ben felici di aver chiarito la situazione e di pubblicare la risposta del comitato spontaneo all’articolo del 20 Novembre. Né prendiamo atto ed aggiungiamo che nonostante il futuro nuovo comitato cercherà di occuparsi di ogni singolo problema del quartiere, obiettivamente, riguardo il “discorso” dei miasmi provenienti dall’impianto AMA di via Salaria, il comitato spontaneo è avanti sull’argomento occupandosene già da circa 3 anni, una collaborazione è sicuramente ben accetta.

Resta comunque il fatto che “qualcuno” si è preso la briga di fotocopiare e distribuire per il quartiere un documento PRIVATO con l’aggiunta di una scritta fatta con un pennarello in puro stile “brigate rosse” ma con la differenza che non ha avuto il coraggio di firmarsi.
E pensare che ben due volantini si sono “materializzati” misteriosamente ne “Il Baretto” sito in via Annibale Maria di Francia 74, un terzo volantino è “comparso” nel negozio di alimentari qualche civico prima, ma nessuno ha visto da chi sono stati attaccati li!

Un candidato del futuro nuovo comitato di Villa Spada la vede così: “Giochi politici in cui non vogliamo assolutamente entrare e da cui ci teniamo a debita distanza, andiamo avanti per la nostra strada per il bene del nostro quartiere che ha un assoluto bisogno di ritrovarsi e riemergere