lunedì , 21 gennaio 2019
Home » Disagi » Siringhe usate al campo di Villa Spada: la pazienza è al limite

Siringhe usate al campo di Villa Spada: la pazienza è al limite

Siringhe usate al campo di Villa Spada: la pazienza dei cittadini sta terminandoTramite la nostra pagina Facebook ci hanno segnalato la presenza, presso il “campetto” di Villa Spada, di alcune siringhe lasciate li da tossicodipendenti maleducati ed indisciplinati.

Il terreno sito lungo la via Radicofani, come già detto in passato, è l’unica area verde del quartiere Villa Spada e dovrebbe essere un punto di ritrovo all’aria aperta per tutti gli abitanti della zona; purtroppo così non è.

Il forte degrado che sta colpendo Villa Spada in questi ultimi tempi sembra ormai non arrestarsi più; non bastavano gli attuali disagi provocati dall’insediamento Rom dell’ex cartiera di via Salaria messi li dal nostro ex Sindaco di Roma Gianni Alemanno ed abbandonati come le bestie, oppure il dover sopportare il “bordello” a cielo aperto in cui si è trasformata da anni la via Salaria con prostitute che si esibiscono mezze nude ed automobilisti che “inchiodano” per godersi lo spettacolo.
Siringhe usate al campo di Villa Spada: la pazienza dei cittadini sta terminandoEd ancora, non bastava la casa famiglia sita in via Cortona abitata da rifugiati politici e clandestini che si occupano di mettere a soqquadro l’altro parchetto di Villa Spada adiacente l’asilo nido oppure non da meno i disagi provocati dalla discarica AMA che, specialmente durante le giornate più calde ed afose, emana un “tanfo” a dir poco nauseabondo… alla già ricca lista di disagi ora si deve aggiungere un nuovo capitolo.

Le siringhe si trovano lungo la recinzione che separa il campetto dal vivaio Calzetta, vicino l’entrata tra il primo ed il secondo albero e altre con ago ben in vista sono vicino a dei cespugli. Ovviamente si raccomanda la massima prudenza, specialmente se andate con bambini e/o cani, vista la gran quantità di siringhe usate potenzialmente infette sparse ovunque.

Ringraziamo per la tempestiva segnalazione Gabriele Borello