martedì , 19 Novembre 2019
Home » Ambiente » Ama via Salaria: Pubblico Ministero contesta reato di getto pericoloso di cose

Ama via Salaria: Pubblico Ministero contesta reato di getto pericoloso di cose

Ama via Salaria: Pubblico Ministero contesta reato di getto pericoloso di coseI miasmi che ormai da due anni condizionano la vita dei residenti di Fidene, Villa Spada e quartieri limitrofi, oltre a quella di migliaia di lavoratori delle aziende in quel tratto di via Salaria, esistono veramente e sono molesti oltre la soglia della normale tollerabilità“.
A sostenerlo il  Pubblico Ministero, Maria Bice Barbolini, che ha contestato a ben 5 Presidenti  Ama, quelli che si  sono alternati alla guida della municipalizzata dal 2008 ad oggi, il reato di getto pericoloso di cose, disciplinato dall’articolo 674 del Codice  Penale.

Una notizia che riaccende le speranze dei cittadini di Villa Spada, un  nutrito gruppo di persone che ormai da tempo ha ingaggiato una dura battaglia affinché l’impianto venga spostato da quel civico 981 della consolare romana così vicino a case, uffici e addirittura ad un asilo nido.

Esprimiamo soddisfazione per la notizia. Tutto ciò dimostra la  fondatezza delle nostre proteste, finalmente la Procura della  Repubblica ci riconosce le ragioni della denuncia presentata a settembre 2011 con 2640 firme” ha detto un rappresentante del Comitato, sottolineando come con l’arrivo  dell’estate la qualità della vita sia nuovamente peggiorata per le esalazioni  continue provenienti dall’impianto ancor più nauseabonde con le temperature della bella stagione.

In virtù  dei provvedimenti presi dalla Procura della  Repubblica“, hanno concluso da Villa Spada, “ci auguriamo che  le istituzioni si attivino per la delocalizzazione del TMB e nell’immediato per  la riduzione del conferimento dei rifiuti all’impianto