martedì , 12 Novembre 2019
Home » Progetti » Sassoli a Villa Spada con un impegno: delocalizzare l’impianto Ama

Sassoli a Villa Spada con un impegno: delocalizzare l’impianto Ama

Sassoli a Villa Spada con un impegno: delocalizzare l'impianto AmaSpostare l’impianto Ama di trattamento rifiuti di via Salaria lontano dal centro abitato” – così David Sassoli nell’ottobre scorso a margine del sopralluogo di alcuni europarlamentari nell’impianto TMB lungo la consolare romana.

In quell’occasione l’allora membro del Parlamento Europeo – insieme a Riccardo Corbucci, consigliere Municipale, aveva sottolineato come lo stanziamento di un milione e 200 mila euro per i lavori di sanificazione fosse stato l’unico provvedimento messo in campo dal Campidoglio, una soluzione che peraltro non aveva portato ai risultati sperati.

Infatti nonostante l’intervento il cattivo odore non si è fermato, continuando ad infastidire la vita dei residenti che hanno voluto ribadire questo punto anche di recente rispondendo al Sindaco Alemanno che sosteneva invece il miglioramento della situazione in seguito all’opera di sanificazione.

Ad oggi, da candidato alle primarie del centrosinistra per divenire Sindaco di Roma, Sassoli vuole tornare ancora una volta a parlare agli abitanti di Villa Spada e lo farà il 2 aprile alle 18.30 presso l’area verde di via Cortona.

Sassoli a Villa Spada con un impegno: delocalizzare l'impianto Ama

L’incontro sarà l’occasione in cui Sassoli, candidato alle primarie per il Sindaco, e Riccardo Corbucci, in corsa per quelle di Presidente del Municipio, ribadiranno il loro impegno: “Spostare l’impianto Ama di via Salaria 981 fuori dal centro abitato