martedì , 12 Novembre 2019
Home » Progetti » Il Programma di recupero urbano Fidene-Val Melaina-Villa Spada

Il Programma di recupero urbano Fidene-Val Melaina-Villa Spada

Il Programma di recupero urbano Fidene-Val Melaina-Villa SpadaIl Programma di recupero urbano Fidene-Val Melaina-Villa Spada approda in Aula Giulio Cesare, si tratta di un intervento nel vasto territorio delimitato a ovest dalla via Salaria e dalla linea ferroviaria, a nord dal Grande Raccordo Anulare, da via della Bufalotta a est e da via dei Prati Fiscali a sud. Un intervento che andrà a modificare molte delle realtà presenti in Quarta: viabilità, parcheggi, una pista ciclabile ma anche nuove abitazioni.

Per Fidene e Villa Spada, attualmente messe in connessione solamente da un piccolo cavalcaferrovia, un investimento di 4.000.000 euro permetterà la realizzazione un collegamento che faciliterà anche il raggiungimento del nuovo parco archeologico di Fidene, presso il quale è prevista la ricostruzione della scuola  materna Santa Felicita e la realizzazione di un nuovo nucleo residenziale. Acea dismetterà l’elettrodotto che attraversa l’area. Novità anche per quanto riguarda la mobilità alternativa: sarà infatti realizzata una pista ciclabile che, partendo da Fidene e passando per nuove aree verdi, arriverà fino alla Bufalotta, non lontano dal Parco della Marcigliana.

Riqualificazione di via Radicofani, e collegamento della stessa alla Bufalotta, attraverso via Cervi. Già ristrutturato con l’utilizzo dei finanziamenti regionali, l’asilo Russolillo. Nell’area tra via Pampanini e via Mario del Monaco, accanto a nuove abitazioni è in fase di ultimazione un nuovo parco attrezzato. La previsione di Largo Labia  è connessa alla necessità di realizzare una porta di accesso al Parco delle Sabine. Anche piazza Fratelli Lumière cambierà volto, trasformandosi in un grande spazio verde attrezzato e luogo di aggregazione per gli abitanti del quartiere. Accanto alla piazza ci sarà una nuova biblioteca, un centro culturale e nuove abitazioni.

A Vigne Nuove sono previste alcune attrezzature collettive insieme ad altri spazi verdi attrezzati. Risulta completato il Parco archeologico della Villa di Faonte; il museo per la conservazione dei resti archeologici della zona sta per essere consegnato alla Soprintendenza archeologica. Il collegamento Bufalotta-Vigne Nuove è già da tempo aperto al traffico.

Nuovi parcheggi e collegamenti viari a Piazza  Minucciano al Nuovo Salario; impianti sportivi nei dintorni del parco della Torricella. Potenziamento e miglioramento dei parcheggi pubblici presso la stazione del Nuovo Salario.

Le proposte di deliberazione relative alla manovra urbanistica della Giunta Alemanno, sono state poste all’Ordine dei Lavori dell’Assemblea Capitolina durante la Conferenza dei Capigruppo su proposta dell’On. Gramazio ma con il disaccordo dell’opposizione: in virtù di ciò il Presidente dell’Assemblea Capitolina sarà tenuto a rimettere all’Aula la decisione in merito all’approvazione dell’Ordine dei lavori.

“Si invita chiunque sia contrario ad una manovra urbanistica, che porterà miglia di mc di cemento su una città già al collasso per carenza di infrastrutture, e al contempo sostenga una cultura urbanistica che ponga al centro delle sue scelte la vivibilità dei luoghi della città, a presenziare alla Seduta dell’Assemblea Capitolina al fine di esprimere il proprio dissenso” – ha detto la Consigliera Capitolina Gemma Azuni di Sinistra Ecologia e Libertà.

Un invito subito raccolto da cittadini e Comitati che si ritroveranno in Piazza del Campidoglio alle 15.30 per far sentire la propria voce – dicono –  contro “questa nuova ondata di cemento” che rischia di investire l’intero territorio.