Home » Ambiente » Elettrosmog: Villa Spada sbugiarda il Presidente Salducco

Elettrosmog: Villa Spada sbugiarda il Presidente Salducco

Elettrosmog: Villa Spada sbugiarda il Presidente SalduccoPubblichiamo di seguito la comunicazione ricevuta dal comitato di quartiere Villa Spada:

A seguito del volantinaggio affisso nel nostro ed in altri quartieri del IV Municipio, il giorno 21 Marzo 2003 nel quale si affermavano i meriti del Presidente del IV Municipio nella vicenda della mancata installazione del ripetitore telefonico in Via Annibale Maria di Francia 82Villa Spada, riteniamo doveroso dover precisare quanto segue:

L’unico grande ed immenso merito e ringraziamento, và fatto in primo luogo alle persone del quartiere, che in maniera umile ma perseverante, con tenacia e dedizione, hanno fatto un “picchetto” ininterrotto per 61 giorni, diurno e notturno, sotto al freddo, al vento, ed all’acqua, schierandosi anche contro le forze dell’ordine impedendo il proseguimento dei lavori di installazione. Gente che ha perso giornate di lavoro e sonno, credendoci fino in fondo, lasciati molte volte soli dalle Istituzioni, a combattere una Legge ingiusta e vessatoria per la salute di tutti i cittadini, ed in particolare dei malati. Gente che nonostante i ripetuti appelli al sostegno della lotta, espressi verso il Presidente, si vedevano sempre rifiutare quella solidarietà che un Presidente di Municipio, in quanto tale (al pari di un Sindaco) avrebbe dovuto alla propria gente ed al proprio elettorato. Tutti ricorderanno la forte coesione che, nonostante la stanchezza e le tensioni emotive, ha riunito una Comunità sotto un’unica bandiera: “la tutela della salute”.

Siamo stati tra i primi in tutta Roma, ed i precursori di un’azione di contrasto all’installazione dei ripetitori telefonici all’interno dei centri densamente abitati, di così lunga durata e tenacità, sostenuta da azioni legali e civili, mentre i Nostri Signori Politici (1° tra tutti il nostro Presidente) ci ripetevano che “tutti i nostri sforzi erano vani“ e che “loro non potevano impegnarsi in alcun modo per sostenerci, in quanto non avevano poteri e competenze sul discorso Antenne”.

I meriti del Presidente Salducco, sono esclusivamente relativi ad una sola telefonata al Direttore della ASL di Via Galilei, in cui si sottolineava la grave situazione patologica di alcune persone del quartiere. Ma anche questo atto, è stato fatto a seguito di incessanti pressioni e dopo 18 giorni dall’inizio del “picchetto” stradale.

Riteniamo che nella vicenda Villa Spada, siano stati pochi i politici (Maggioranza ed Opposizione) che con la loro opera di intermediazione ed il loro fattivo lavoro, abbiano veramente contribuito alla soluzione del problema, ma il Nostro Presidente non risulta tra questi.

E’ chiaro che alla fine delle vicende concluse positivamente, sia semplice attaccarsi alla giacca le medaglie di merito, ma Noi cittadini del Quartiere sappiamo bene chi può vantare tale pregio. Ed è a loro, ai pochi politici che ci hanno affiancato sempre, consigliandoci e lavorando attivamente insieme a Noi e per Noi, che và il nostro sentito ringraziamento. Politici, o meglio “Uomini“, che senza timore reverenziale verso la politica hanno con coraggio e dedizione interpretato il vero ruolo della Politica, con i Cittadini, per i Cittadini, a fianco della Gente.

Ma Lei caro Presidente in questa occasione non è stato tra loro. Senza voler entrare nel merito della subdola propaganda politica, (che anche l’opposizione ha già fatto in passato), riteniamo che l’attuale manifesto affisso oggi , sia improduttivo ed irrispettoso per i cittadini del Quartiere, che così tanto si sono adoperati nella lotta all’installazione del ripetitore. Riteniamo che la sua superbia nell’appropriarsi i meriti della Nostra vicenda sia di cattivo gusto e fuori luogo. Le ricordiamo che Lei si è affacciato una sola volta a Villa Spada, dopo ripetuti inviti e che materialmente il suo interessamento alla vicenda è stato pressoché nullo.

Le auguriamo nel proseguo del suo mandato di evitare inutili trionfalismi, soprattutto quando i meriti spettano ad altri. E ci auguriamo che il suo ruolo diventi quello per cui è stato eletto anche dalla popolazione di Villa Spada: essere davvero il Sindaco del IV Municipio con la Gente ed a fianco della Gente.”

Comitato di quartiere Villa Spada.